Le auto elettriche potrebbero arrivare a un’importante rivoluzione determinata dalle batterie allo stato solido. Tra i pionieri di questa nuova forma di autonomia a zero emissioni Toyota e Gruppo Volkswagen: ma cosa cambia per gli automobilisti e quali vantaggi vengono implementati per il settore elettrico?

Le batterie allo stato solido rappresentano il futuro per le auto elettriche, con diversi costruttori che da tempo stanno investendo nello sviluppo di questa forma d’energia al centro dei più ambiziosi progetti futuri nell’ambito automotive sostenibile.

Per il momento siamo ancora in ambito concept car: Toyota è già orientata verso il suo primo prototipo, che secondo i rumor potrebbe essere presentato il prossimo anno. Certo, la strada è ancora molto lunga ma la direzione sembra quella giusta con un vantaggio importante sia per gli automobilisti che per l’ambiente.

Auto elettriche: Toyota e Volkswagen puntano sulle batterie allo stato solido

Per il colosso giapponese si parla di un primo prototipo atteso per il 2021: questa concept car sarà in grado di garantire 500 chilometri di autonomia con una ricarica rapida in 10 minuti sfruttando le batterie allo stato solido.

Più piccole e con una durata maggiore rispetto alle batterie agli ioni di litio, con una rapidità di ricarica sena eguali: l’ambizioso progetto di Toyota è sostenuto dal governo giapponese, con ben 19 miliardi di dollari stanziati per la decarbonizzazione del Paese e incentivare l’uso e il progressivo sviluppo dell’elettrico. Anche la Cina segue l’esempio del Sol Levante, con QingTao Energy Developtment che investirà 150 milioni di dollari nello realizzazione di batterie allo stato solido.

E gli Stati Uniti non stanno a guardare: sarà QuantumScape a sostenere il progetto di auto elettriche con batterie allo stato solido, dopo 10 anni di test, con la realizzazione di un accumulatore ideale allo sviluppo dei primi nuovi modelli.

In questo caso QuantumScape punta sulla durata nel tempo, sviluppando una tecnologia che rende queste batterie più resistenti alle condizioni meteo e alle temperature, puntando a una ricarica dell’80% in solo 15 minuti. I primi modelli a implementare le batterie allo stato solido americane saranno della tedesca Volkswagen (che collabora con QuantumScape dal 2012).

Per i primi modelli su strada e disponibili al pubblico bisognerà attendere il 2025. In meno di 5 anni le batterie allo stato solido potrebbero raggiungerà la maturità e prendere il posto dello standard a litio attualmente in commercio.