Alitalia - Etihad: per l’Ue non c’è fretta

icon calendar icon person

(Radiocor) - La Commissione europea non ha fretta di chiudere l’inchiesta su chi esercita il controllo di fatto di Alitalia-Etihad.
L’impressione e’ che abbia adottato la strategia dei tempi lunghi per vedere come muove i primi passi la compagnia aerea. E che non sembrano attualmente esserci grandi preoccupazioni su chi detiene il controllo: se si temesse che il controllo di fatto fosse nelle mani di Etihad la Commissione sarebbe intervenuta prima di pronunciarsi sull’acquisto da parte di Etihad del 49% della societa’ italiana o contestualmente a tale decisione. «La decisione antrust e’ stata presa, la proprieta’ e il controllo delle compagnie aeree e’ una procedura separata con una diversa base legale e l’inchiesta sul caso Alitalia/Etihad e’ in corso, la Commissione ha ricevuto la documentazione dalle autorita’ italiane e non e’ fissata una scadenza per la nostra analisi, non ci sono limiti di tempo legali per la conclusione», ha spiegato a Il Sole 24 Ore Radiocor il portavoce della Commissione per i trasporti Jakub Adamowicz.
Lo scenario e’ il seguente: Bruxelles non avrebbe motivi per sollevare un problema sul controllo, ma vuole mantenere una sorta di «interventismo vigilante» sul caso per vedere come viene gestita la nuova situazione aziendale