Adotta un profugo per 900 euro al mese. Marino rilancia: «Sì, ma anche gli adulti». Ecco la proposta

icon calendar icon person

Al Viminale si discute della possibilità di adottare i profughi che sbarcano in Italia. Alle famiglie disposte all’adozione saranno erogati 900 euro mese. Ecco la proposta.

Il Viminale avanza la proposta di versare 900 euro al mese alle famiglie disposte ad accogliere un immigrato a casa loro. Ma sul progetto, attualmente in discussione al Viminale, interviene il sindaco di Roma Marino che rilancia: «Dovremmo affidare alle famiglie romane non solo i bambini, ma anche immigrati adulti».

Quota 136mila
Il 2014 ha registrato un nuovo record di sbrachi di immigrati sulle coste italiane. Dei 136mila nuovi profughi arrivati in Italia, circa 90mila sono stati salvati dal programma Mare Nostrum. Secondo il Viminale entro la fine del 2014 il numero salirà facilmente fino a toccare il nuovo record di 150mila immigrati. C’è però da dire che non tutti gli immigrati sbarcati sulla coste italiane arrivano qui per rimanere: secondo i dati del 2014 oltre il 40% dei nuovi arrivi persegue il suo viaggio verso i paesi del nord Europa.

Ciò non toglie che i problemi dei centri di accoglienza italiani siano reali, così come lo sono le tensioni sempre crescenti tra immigrati e popolazione.

Accoglienza
Per ovviare a tali difficoltà di gestione e di integrazione arriva la proposta dal Viminale. «Per il momento siamo nella fase interlocutoria» spiega il sottosegretario agli Interni Domenico Manzione che sta discutendo la proposta di accogliere i profughi nelle famiglie italiane nel Tavolo nazionale sull’Immigrazione. «Non vogliamo scaricare il problema sulla popolazione ma adottare un modello di accoglienza diffusa che possa impattare meno sui territori» precisano dal Viminale.

In realtà, ad oggi, è già possibile in Italia ottenere in affido un minore non accompagnato, ovvero bambini arrivati in Italia senza genitori o adulti di riferimento. L’idea sarebbe quella di permette l’accoglienza anche degli adulti; una famiglia italiana potrebbe decidere di adottare una mamma con il figlio o un giovane profugo. A questa famiglia lo Stato darebbe 30 euro al giorno per persona adottata, 900 euro al mese, la stessa cifra che lo Stato italiano riconosce ai centri di accoglienza per ogni profugo assistito.

Il sindaco di Roma, sostiene il piano per l’adozione dei profughi e propone per la capitale la possibilità di accogliere anche adulti da soli. «Insieme al sottosegretario Manzione abbiamo immaginato la proposta che oltre all’affido di minori - ha spiegato Marino a margine della riunione di martedì al ministero dell’Interno sul tema dell’immigrazione - ci possa essere l’affido alle famiglie anche degli adulti, con una partecipazione economica da parte del governo di 30 euro al giorno, per l’ospitalità di un migrante adulto nelle nostre città».

Molto critica la riposta dell’ex sindaco di Roma Gianni Alemanno: «Trenta euro sono di più di quanto viene dato ad una famiglia per assistere un disabile in casa e sono più del doppio che viene dato alla maggioranza dei pensionati sociali italiani. Il governo sfrutta la disperazione delle famiglie italiane e alimenta la guerra tra poveri».