80 euro in più in busta paga? L’Europa non vuole. Aumento a rischio

icon calendar icon person

Il Presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem bacchetta il Premier Matteo Renzi sugli 80 euro in più in busta paga promessi ai cittadini a partire da maggio.

L’Italia deve rispettare gli impegni presi in sede continentale sul risanamento dei conti pubblici, e la misura annunciata dal Presidente del Consiglio cozzerebbe con questi impegni.

Padoan e Renzi stanno infatti cercando di reperire i fondi necessari, ma l’UE teme che essi incidano sui parametri di riduzione del deficit previsti dal Fiscal Compact.

Renzi adesso si trova di fronte ad un bivio: ascoltare l’Europa o mantenere le promesse fatte agli italiani. Cosa farà?