Referendum taglio dei parlamentari

Il referendum sul del taglio dei parlamentari si terrà il 29 marzo 2020. Essendo una consultazione confermativa, non ci sarà il bisogno del raggiungimento di nessun quorum per validare il voto.

Gli italiani sono chiamati a esprimersi in merito alla riforma approvata in maniera definitiva dal Parlamento nell’ottobre 2019, dove si prevede un taglio di deputati alla Camera (da 630 a 400) e di senatori al Senato (da 315 a 200).

Vista la sottoscrizione di 71 senatori che hanno firmato per richiedere un referendum, il prossimo 29 marzo i cittadini si recheranno alle urne per votare Sì se si vuole confermare il taglio oppure No se invece si vuole che il numero dei parlamentari rimanga invariato.

Referendum taglio dei parlamentari, ultimi articoli su Money.it

Rinvio regionali e referendum per il Covid: cosa c’è di vero?

Alessandro Cipolla

20 Agosto 2020 - 12:20

Rinvio regionali e referendum per il Covid: cosa c'è di vero?

Matteo Salvini e Giorgia Meloni da giorni parlano del pericolo di un rinvio a causa Covid del referendum e delle regionali, che si terranno il prossimo 20 e 21 settembre, con anche Walter Ricciardi che ha ammesso l’ipotesi in caso di un aumento dei contagi.

Elezioni regionali: perché è un errore clamoroso votare a fine settembre

Alessandro Cipolla

10 Giugno 2020 - 10:15

Elezioni regionali: perché è un errore clamoroso votare a fine settembre

Il governo si appresta a far svolgere le elezioni regionali, amministrative e il referendum il prossimo 20 e 21 settembre: una data che però potrebbe comportare diverse problematiche, dalla riapertura tardiva delle scuole a un possibile accavallamento con la seconda ondata del coronavirus.

Referendum taglio dei parlamentari a rischio rinvio per il coronavirus?

Alessandro Cipolla

26 Febbraio 2020 - 10:17

Referendum taglio dei parlamentari a rischio rinvio per il coronavirus?

Il prossimo 29 marzo gli italiani saranno chiamati a esprimersi per il referendum confermativo sul taglio dei parlamentari: vista l’emergenza in diverse regioni del Paese a causa del coronavirus, c’è il rischio di un rinvio per la consultazione.